KnaufKnauf

Referenza Knauf

Museo Casa Enzo Ferrari

<< Torna indietro Nuovo edificio - Musei e ambienti espositivi



M
useo Casa Enzo Ferrari – Modena

 

Obiettivi

Nel 2004 la Fondazione Casa Natale Enzo Ferrari, con il sostegno del Comune e della Provincia di Modena, della Camera di Commercio, di Ferrari SpA e dell’Automobile Club d'Italia, bandì un concorso di architettura a invito per ristrutturare la casa natale di Enzo Ferrari e per realizzarvi una galleria espositiva. La committenza aveva l'intento di creare un polo moderno, di riferimento per l'intera zona, che riuscisse a coniugare l’antico stile rurale della casa con la valorizzazione dell’aspetto tecnologico e dell'attenzione al progresso dell’uomo e della fabbrica che hanno segnato la storia della terra modenese. Il concorso fu vinto dallo studio londinese Future Systems, con un progetto firmato da Andrea Morgante e Jan Kaplický, titolare dello studio.

Progetto

L'idea dello studio Future Systems consisteva in un progetto innovativo che celebrava Enzo Ferrari unendo l’antico con il moderno e la tradizione con l’avanguardia, adempiendo pienamente a tutti i requisiti che la committenza aveva chiesto di raggiungere. La valorizzazione dell'antico, grazie al progetto di ristrutturazione e riqualificazione della casa-officina del padre di Ferrari, dialogava con la modernità grazie a un edificio espositivo estremamente avveniristico, affiancando in modo armonico due fabbricati con natura e storia estremamente diversa, lasciando che l'uno esaltasse l'altro.

Per il restauro conservativo della vecchia officina, dopo uno studio approfondito si decise di intervenire per riportarla all’aspetto che aveva nella seconda metà dell’800, eliminando elementi interni ed esterni aggiunti in epoche successive e mantenendo gli elementi tradizionali del fabbricato. Per il nuovo spazio espositivo di fronte alla casa invece vennero scelti materiali e forme di alta tecnologia, con una copertura gialla simile a un grande cofano, che ne è divenuta il simbolo, a sovrastare un open space caratterizzato da forme curve per richiamare le linee dell’abitacolo delle prime vetture sportive.

L'elemento del nuovo edificio che più dialoga con la vecchia officina è la facciata; questa infatti rappresentava uno degli elementi più complessi della progettazione e nasceva dall’idea della mano aperta che vuole proteggere l’antico, per valorizzarlo e presentarlo costantemente al visitatore anche dall’interno della galleria espositiva. Per far sì che i due edifici non fossero in contrasto, i progettisti decisero di mantenere esternamente un’altezza pari a quella dell’abitazione, andando a trovare lo spazio per la galleria espositiva scavando 4,5 m sotto il piano di campagna.

Interventi

La caratteristica principale e onnipresente del progetto, che rappresenta l'elemento caratterizzante dell'intero edificio è la curvilineità. Le forme tondeggianti infatti sono presenti in tutti gli elementi costruttivi, dalle forcelle a sostegno della struttura di facciata ai basamenti delle auto, ai varchi, ai lucernari, alle stesse pareti perimetrali.

Anche a livello costruttivo la linea curva ha rappresentato la parte più importante del progetto. Secondo la testimonianza dell’ingegner Fabio Camorani, che con Politecnica è stato il punto di riferimento italiano dello studio inglese partecipando alla progettazione preliminare, definitiva ed esecutiva dei lavori, la soluzione a cui si era inizialmente pensato per la realizzazione delle pareti curve era quella del calcestruzzo spruzzato. Questa soluzione mirava a garantire una continuità di effetto tra pavimento e parete ma durante i lavori l'impresa esecutrice propose di utilizzare i sistemi a secco; dopo un’attenta valutazione, si decise di adottare questa proposta che consentiva una maggiore rapidità di esecuzione, eliminando la necessità di ulteriori gettate di cemento a involucro completato.

Questo portò alla scelta di utilizzare il sistema curvo Knauf Knaufixy associato alle lastre Knauf in cemento fibrorinforzato Aquapanel, che permisero di creare strutture leggere dietro alle quali fu possibile far transitare i condotti di aerazione e ogni altro tipo di canalizzazione di servizio, portando a termine i lavori in tempi molto inferiori rispetto alla soluzione in calcestruzzo spruzzato.

La soluzione adottata ha inoltre conferito alla struttura una estrema resistenza, grazie alle lastre Knauf Aquapanel Outdoor, con rete di armatura sulle due superfici, utilizzate per ottenere un rivestimento durevole anche in un ambiente particolarmente aggressivo dal punto di vista igrotermico come quello in cui si trova questa struttura, sottoposta alle severe condizioni climatiche tipiche della pianura modenese.

L’adozione dei profili Knaufixy GK50GK75 e T-Plan ha permesso di realizzare curvature su tutti e tre gli assi grazie alla loro possibilità di essere sagomati e di mantenere la forma senza bisogno di essere ulteriormente irrigidite con dime o viti di bloccaggio; una nota particolare hanno inoltre meritato gli applicatori che con esperienza e grande manualità hanno tagliato le lastre Aquapanel in dimensioni ad hoc, rendendo possibile ottenere la perfezione delle superfici curve che caratterizzano la galleria espositiva.

Il Museo Casa Enzo Ferrari è un capolavoro anche dal punto di vista impiantistico, esempio di perfetta integrazione tra la struttura dell’edificio e le reti dei sistemi necessari al benessere dei visitatori, presenti ma assolutamente invisibili, preservando così la linearità dell’insieme.

Il sistema di climatizzazione radiante a pavimento, alimentato da pompe di calore geotermiche, permette il perfetto controllo della temperatura dell'edificio sia in estate che in inverno, assicurando anche la sostenibilità ambientale e il risparmio energetico. Simili a prese d'aria nel cofano, i lucernari garantiscono il ricambio d’aria mentre i giunti dei teli di un rivestimento traslucido permettono la distribuzione dell’aria all'interno. Sono installati inoltre, in un’area esterna, pannelli solari termici e fotovoltaici per garantire rispettivamente la produzione dell’acqua calda e l’alimentazione energetica delle sale.

I sistemi a secco Knauf sono stati utilizzati per creare anche altri elementi dell'edificio tra cui pareti, contropareti e diversi tipi di soffitti a secco.

Per quanto riguarda quest'ultimi, sono stati realizzati soffitti su qualsiasi tipo di supporto, semplicemente realizzando prima un’adeguata struttura metallica (pendinata alla soletta esistente o autoportante) e poi fissando le lastre all’orditura, inserendo nell’intercapedine materiale isolante, ove necessario, oltre a eventuali condotte e passaggi per impianti elettrici, idrici o di ventilazione, realizzandoli a orditura metallica singola (D111) e a orditura metallica doppia (D112). Una nota particolare merita il controsoffitto autoportante D117, equivalente praticamente a una parete posata in orizzontale e costituito dalle orditure metalliche a “C” che si adoperano normalmente nelle pareti verticali. L’adozione di questa soluzione ha permesso di realizzare controsoffitti nei punti in cui era impossibile fissarsi a una soletta sovrastante, dando per di più una compartimentazione con maggior resistenza al fuoco. 

Le pareti sono state realizzate con un'orditura metallica, collegata perimetralmente alla struttura portante e con uno o due strati di rivestimento da entrambi i lati. Il tipo e il numero delle lastre di rivestimento sono state scelte in funzione delle prestazioni richieste a ogni singola parete relativamente all'acustica, all'antincendio e alla statica. Sono state realizzate pareti secondo gli schemi Knauf W111, a singola orditura e singolo rivestimento, W112, con doppio rivestimento, e, nei punti in cui era necessario un maggiore isolamento acustico è stata usata la parete W115, a doppia orditura e doppio rivestimento per lato.

Nelle intercapedini delle pareti, oltre a installazioni impiantistiche elettriche e sanitarie, sono stati inseriti materiali isolanti per conferire migliori caratteristiche di isolamento termico/acustico e per la protezione dal fuoco

Infine sono state realizzate contropareti con struttura metallica autoportante e rivestimento in lastre di gesso rivestito Knauf GKB che rispondono allo schema Knauf W625. Anche in questa tipologia di intervento è stato possibile ottenere ottime prestazioni acustiche in funzione anche degli spessori isolanti inseriti nelle intercapedini.

 

RGR



Informazioni Referenza
Anno completamento
2011
Proprietà
Comune di Modena
Proprietà
Fondazione Casa di Enzo Ferrari
Progettista
Future System
Fornitore Materiale Knauf
P.Z. Srl
Applicatore
Lubea Soluzioni Srl
Impresa Edile
CDC Cooperativa di Costruzioni S. Coop. RI

sistemi utilizzati
Sistema Aquapanel
Aquapanel - Aquapanel Outdoor
Pareti e Divisori
Curvo - Knaufixy - GK50 GK75 T-Plan
Pareti e Divisori
Pareti - W111 W112 W115
Pareti e Divisori
Contropareti - W625 - GKB
Sistema Soffitti
Soffitti - D111 D112 D117

documenti
brochure progetto


Di seguito i Sistemi Knauf utilizzati per questa referenza

<
ottobre 2017 - Museo Casa Enzo Ferrari


VISUALIZZA ELENCO COMPLETO IMMAGINI

Alcune REFERENZE fra le più ricercate
Residenziale - Condomini Recupero Milano Residenze via Orti 4, Milano Obiettivi Questo intervento aveva per obiettivo la trasformazione di un vecchio e fatiscente capannone industriale dei primi del ‘900 in un moderno edificio residenziale in classe A. In particolare si voleva esaudire le richieste di affitti brevi nel centro storico della città di Milano, offrendo appartamenti con elevati livelli di comfort. Progetto Partendo da una demolizione tot... Lombardia 54 via Orti 4 Milano 2 2 Acustica Isolamentotermico Design Bioedilizia Antisismica 15/11/2017 11.55.58 13/06/2019 10.38.59 2017 0 1 1 1 1 1 Pareti e Divisori - Pareti e Divisori - Sistema Soffitti - Sistema Soffitti - Sistema Sottofondi - Sistema Sottofondi - Sistema Isolamento Interni - Sistema Isolamento Interni - Pareti e Divisori - Sistema Aquapanel - Pareti e Divisori Ristrutturazione palazzina residenziale privata in via Orti 4 a Milano Milano Lombardia Recupero via Orti 4 Milano Acustica Isolamentotermico Design Bioedilizia Antisismica
Residenziale - Condomini Nuovo edificio Milano B32 Monviso Milano Obiettivi La volontà di integrare la storia e la tradizione, tipica dei quartieri residenziali nel centro di Milano, con la tecnologia e il rispetto dell’ambiente, tramite soluzioni ad alta sostenibilità ambientale e energetica, è stata la matrice per la progettazione del nuovo complesso di appartamenti B32 Monviso. Ogni scelta progettuale, ogni dettaglio, sono stat... Lombardia 54 via Monviso 32 – 20154 Milano 2 1 Acustica Isolamentotermico Antisismica 09/06/2017 12.35.14 22/01/2019 16.35.18 2017 0 1 1 1 1 1 Pareti e Divisori - Pareti e Divisori - Pareti e Divisori - Sistema Soffitti - Sistema Isolamento Interni B32 Monviso Milano Lombardia Nuovo edificio via Monviso 32 – 20154 Milano Acustica Isolamentotermico Antisismica
Residenziale - Condomini Nuovo edificio Roma Residenze di via di Villa Belardi, Roma Obiettivi Gli obiettivi dei progettisti delle Residenze di via di Villa Belardi erano molteplici ma sintetizzabili in una semplice, unica frase: costruire abitazioni di qualità, capaci di influire positivamente sulla qualità della vita di chi le avrebbe abitate. Per questo era necessario dotarle di solidità strutturale, sicurezza sismica,... Lazio 80 Via di Villa Belardi, 2 Roma 2 1 Acustica Isolamentotermico Design Bioedilizia Antincendio 22/01/2018 11.34.51 24/07/2018 15.58.13 2017 0 1 1 1 1 1 Sistema Aquapanel - Sistema Isolamento Interni - Pareti e Divisori Residenze di via di Villa Belardi, Roma Roma Lazio Nuovo edificio Via di Villa Belardi, 2 Roma Acustica Isolamentotermico Design Bioedilizia Antincendio
Residenziale Uni / bifamiliari Nuovo edificio Napoli Parco Residenziale A. Calvanese – Frattamaggiore (Na) Nel territorio di Frattamaggiore, a pochissimi chilometri da Napoli, è stato realizzato un progetto edilizio che ha portato all’edificazione di 32 appartamenti (per un totale di 4000mq) e che ha preso il nome di “Parco Residenziale A. Calvanese”. Commissionato dalla Società Coop Florida I, il progetto ha previsto due edifici gemelli costruit... Campania 56 Frattamaggiore 1 1 09/03/2018 14.01.42 07/01/2019 9.46.47 2018 0 1 1 1 1 1 Pareti e Divisori - Sistema Sottofondi Parco Residenziale A. Calvanese - Frattamaggiore (Napoli) Napoli Campania Nuovo edificio Frattamaggiore

KNAUF di Knauf S.r.l. S.a.s.

  • P.iva 02470860269
    Via Livornese 20
    56040 Castellina Marittima (PI)

    Tel. 050 69211 - Fax 050 692301
    E-mail: knauf@knauf.it